Usa Cars Forum - Dreams on Wheels
Sogno di una vita in USA - Versione stampabile

+- Usa Cars Forum - Dreams on Wheels (https://www.usacarsforum.it/forum)
+-- Forum: DISCUSSIONI GENERALI (https://www.usacarsforum.it/forum/forumdisplay.php?fid=9)
+--- Forum: Hobby & Travels Zone (https://www.usacarsforum.it/forum/forumdisplay.php?fid=40)
+--- Discussione: Sogno di una vita in USA (/showthread.php?tid=1399)

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8


Sogno di una vita in USA - mbar - 19-02-15

Big muscle, appunto ti confermo che é difficile ottenere un visto, o trovare un'azienda che ti assuma e ti faccia avere un visto, la pratica é complessa e di solito un'azienda USA assume uno straniero regolarizzandolo solo se ne ha proprio bisogno, tipico esempio l'espatriato, cioé un manager che viene mandato a dirigere la filiale all'estero. Se questo non é il tuo caso, dovresti fare un po' da te.

Io sinceramente non me la sento di dire, fai la richiesta di questo o di quel visto. Comunque é stato postato il link con tutte le tipologie di visti, vedi quello che fa più al tuo caso, alcuni hanno suggerito L1 (a tempo, per al massimo 5 anni) con un investimento dicono di 100mila dollari ma se giá generi business con gli USA. La lotteria è anche una possibilitá. VI é poi tutta una sfilza di avvocati che si occupano di immigration  e li trovi in ogni quartiere di ogni città americana e ti possono dare consigli (e parcelle) più professionali.

Tu menzioni che se volevi sentire disquisire sulle differenze tra l'Italia e gli USA non scrivevi sul forum, ma ti faccio presente che d'altra parte questo é un forum sulle auto, non sull'immigrazione; insomma, hai sbagliato forum, qui non diamo consigli di questo tipo, al massimo sulle automobili (e anche lì su 100 foristi abbiamo 101 pareri). 




Sogno di una vita in USA - Pex - 19-02-15

Al di là del dove vuoi vivere, fossi in te aprirei una falegnameria, dalle mie parti non lo fa più nessuno!




Sogno di una vita in USA - bigmuscle - 19-02-15

mbar,mi sembra di aver scritto nellasezione giusta vsto che siamo in hobbie(qualsiasi hobbie?) travel and zone..il mio hobbie è trovar il modo di andar a vivere in america....se non è gradito il 3d chiudetelo cosi evito di perdere e far perdere tempo a chi incappa qua credendo di parlar di auto.

 

PEX dove vivi?




Sogno di una vita in USA - Pex - 19-02-15

Provincia di Piacenza




Sogno di una vita in USA - mbar - 19-02-15

Scusa, ma tu scrivi: 

 

"... le strade con le buche....per dirmi che in america non trovo l oro, non cera bisogno di rivolgermi sul forum , c
e una serie tv "cacciatori d oro" ne trovano poco loro di oro,figuriamoci io....

quindi scontatezze a parte,e senza offesa mi raccomando,scusate se sembro crudo..vorrei fosse un 3d costruttivo,per me e per chi come me sogna l america
..."

 

La sezione è giusta (hobby & travels, anche se generalmente si dovrebbe parlare do hobbies e viaggi legati al mondo dell'automobile), ma se vuoi risposte precise alla tua esigenza, e lamenti il fatto che chi ti ha risposto ha troppo divagato, e ti offendi perché l'abbiamo definito sogno americano (d'altra parte tu stesso dici "per chi come me sogna l america", quindi sogno è anche per te), ti dico che purtroppo non potevi aspettarti molto di più che delle divagazioni da bar, perché siamo sì più o meno tutti appassionati di auto (forum di auto è), ma nessuno di noi è esperto d'immigrazione, Per questo hai sbagliato forum: di auto, forse consigli (forse) ce ne diamo; sull'immigrazione, come hai constatato, nessuno riesce ad aiutarti: ma di nuovo, perché purtroppo il forum è sbagliato: non troverai esperti di qs argomento. Tutto qui. Non c'è mica nulla di male.




Sogno di una vita in USA - frank64 - 19-02-15

Bigmuscle, tutto è possibile ma devono coincidere alla perfezione un po' di cose.
Mio fratello 6 anni fa con una gran botta di culo ha vinto la GC e si è trasferito a Miami.
Era dipendente di una multinazionale famosa americana quindi è partito con un lavoro sicuro.
Ha dovuto immediatamente aprire un conto corrente in Usa di 25k Uds.

Sono 6 anni oramai che vive a Miami, ha comprato un appartamento a Brickell e si è sposato con una ragazza di Milano,
è felice di essere li e non pensa lontanamente di tornare in Italia.

Per quanto riguarda l'aspetto economico posso solo dirti che guadagna abbondantemente oltre 10 volte
di più di uno stipendio italiano. Non conosco nello specifico il suo lavoro ma probabilmente
è molto bravo visto che a novembre 2 aziende se lo sono conteso giocando al rialzo con aumenti di 10k $ l'anno.

Anche lui come tanti ha realizzato il suo sogno. Tutto è possibile!!!

Buona fortuna comunque vada e complimenti per il tuo hobby per niente facile ma di grandissime soddisfazioni


Sogno di una vita in USA - skylineeeeee - 19-02-15

Mio zio vive a Miami da 25 anni, la sua azienda italiana aveva una sede là e lo ha spostato. Ha fatto richiesta della Green card con molti anni di ritardo, ma l'ha ottenuta e da qualche anno è diventato cittadino statunitense a tutti gli effetti. Ma aveva un'azienda alle spalle, e quindi un percorso agevole per lui. Ora la stessa azienda (altro ramo) dovrebbe aprire altre 30 posizioni sempre a Miami, e appena la cosa verrà ufficializzata proverò a mandare il mio cv, ma senza grandi speranze non essendo il mio settore, però non si sa mai.

Con questo voglio dire.. Guardati in giro, qualche società italiana a volte può offrire possibilità interessanti.

La cosa che a me spaventa di più è comunque il fatto che tendenzialmente loro sono abbastanza chiusi, e il rischio di trovarsi soli in un paese straniero non è così remoto.


Sogno di una vita in USA - bigmuscle - 20-02-15

finalmente qualcuno ha capito che senza essere esperti di immigrazione si puo dare un contributo privo di ovvietà,con questo nessuno me ne voglia,ma ,qua si parla di auto è vero,ma non credo che tutti quelli che hanno un auto siano professionisti meccanici o carrozzieri,quindi,come si cerca di rispondere senza dire scontatezze quando si parla di problemi meccanici o simili si puo fare altrettanto quando si parla di altre nostre non-competenze Smile ...miravo solo a far capire questo,non mi sono offeso come mbar dice,ne altro,ma non voglio neanche esser liquidato con frasi fatte.

 

grazie a tutti per i commenti,ci tengo a ricordare che mi farebbe piacere che chiunque condivida il mio sogno lo dica,e condivida i suoi tentativi...

skylineee cosa andresti a tentar di fare esattamente?




Sogno di una vita in USA - skylineeeeee - 20-02-15

So cosa produce l'azienda, ma non si sa ancora nulla dei profili che cercano, penso venditori/rappresentanti. Purtroppo non posso neanche scrivere il riferimento preciso, non essendo ancora ufficiale


Sogno di una vita in USA - Flaviospeed - 20-02-15

Citazione:...e il rischio di trovarsi soli in un paese straniero non è così remoto.
 

Penso che questo punto venga eccessivamente sottovalutato.



Sogno di una vita in USA - CL3V3LAND - 21-02-15

per apprezzare l'America un italiano deve stare nel suo paese

Per apprezzare l'Italia bisogna andare a vivere in America

 

...ad importare birra friulana e berla al bar Da Gennaro davanti al televisore  aspettando  che Pirlo la metta nel sacco... 

 

Comunque se c'è la passione, l'Italia potrà anche rimanere nel cuore e basta. Ho un compagno di scuola che finito il liceo se ne andato a studiare a Boston. Ci siamo sentiti i primi anni e poi più nulla. Da notizie ufficiose è ancora là.




Sogno di una vita in USA - AmeriMark - 22-02-15

Se posso aggiungere i miei 2 cents... sono il fortunato marito della vincitrice della Green Card!!

Burocraticamente parlando è difficilissimo ma non impossibile... c'è la DV lottery, c'è il visto da investirore (non immigrant come detto ma rinnovabile, intanto parti e vale mi sembra 10 anni, tempo in cui tutto può succedere....) dove non servono $500k ma un buon e reale business plan (anche $100k) ed un ottimo immigrant lawyer che ti segue. Molto più difficile infine il visto sponsorizzato da un'azienda, semplicemente perchè mai un'azienda dovrebbe spendere $10k per te quando può assumere uno del posto? Lo fa se sono veramente interessati a te ed hai eccezionali referenze, c'è chi è riuscito in questo ma sono veramente pochi. Oppure hai un buon aggancio nell'azienda, anche questo ci può stare.

Società... Usa VS. Italia.... mah, io non so con quali occhi e che esperienze avete avuto negli Usa, e mi riferisco a chi professa frasi del tipo "tutto sommato si sta meglio in Italia", o che la vera America è qui, che gli Americani sognano di venire in Italia... ognuno la pensa come vuole, per carità, io però posso dire, sulla base di esperienze dirette che:

 

1) Gli Americani quando gli parli dell'Italia fanno gli occhi a cuoricino, ma non immaginano lontanamente neanche con l'unghia dell'alluce la diastrosa situazione in cui versiamo, tanti la sognano ma non ci sono mai neppure stati, e quando gli ho raccontato alcune tra le "perle" della nostra attuale società rimanevano a bocca aperta....

2) Non ho conosciuto un solo italiano in America che si sia pentito di essersi trasferito lì, e nonostante non sono molto aggiornati della nostra situazione nessuno ci tornerebbe, neppure a pagarlo oro.

3) questa è una cavolata e non si lascia certo un paese per le strade; non so dove vivete voi ma non mi venite a dire che le strade sono tenute meglio in Italia che negli Usa, su, ridicolo.... ci saranno pure stradacce in America, ma qui parliamo di strade importantissime, strade statali, strade storiche ridotte tipo Baghdad dopo i bombardamenti....

4) In America non esistono le ferie... oddio questa è nuova!! Sicuramente il mercato del lavoro americano è molto più rigido, le ferie vanno di pari passo con l'anzianità all'interno dell'azienda, di solito il primo anno ti danno 1 settimana-10gg (che capisco sono veramente poche per i nostri stereotipi!!), man mano però aumentano anche fino a 3-4 settimane a seconda delle posizioni e dell'azienda! Non sono rose e fiori, per carità, vedi pure le nostre assenze per malattia tutto pagato, ovvio è il prezzo da pagare in cambio però di retribuzioni adeguate!!

 

Potrei fare un elenco infinito di cose, mi limito a dirvi solo alcune esperienze dirette, che so... prendere la patente partendo da 0 in due ore di orologio (esame teoria+pratica+disbrigo pratiche) e pagare 39 dollari? Aprire un conto corrente versandoci 200 dollari?? Chi l'ha detto che c'è un minimo da versare?? Vedere la benzina oscillare di pari passo con il petrolio scendendo anche ad 1/3 del suo prezzo senza la presa in giro delle accise?? 

Voglio rispondere a chi diceva di vedere persone lamentarsi della situazione seduti al tavolo a mangiare e bere....si, magiano e bevono, avranno il loro lavoro e la loro posizione sociale, ma per lamentarsi credimi qualcosa non va... ci si rassegna, ci si accontenta, come se avere un lavoro e guadagnare 1500 euro qui equivale a "stare bene", e poi magari non potersi permettere una vacanza decente o cambiare l'auto vecchia 15 anni.... mi dispiace ma il stare bene è andare a mangiare, ridre e scherzare, e fare di tutto fuorchè lamentarsi, e credimi gli americani si lamentano poco!!

E poi mica è detto che in Italia stanno tutti male? Certo ci sono imprenditori di successo o persone con ottimi contratti... contenti loro di pagare tra il 40 ed il 70% di tasse, o essere costretti ad aprirsi un conto in Svizzera ed a non farsi pasare lo "sfizio" della macchinuccia sportiva per non dare nell'occhio a quelli in divisa grigia... ecco, vedi in America invece girano con macchinoni, si comprano le barche, ville con piscina semplicemente perchè non devono nascondere nulla e non hanno nulla da temere!!

 

Concludo semplicemente dicendo... l'America è l'eden? NO, assolutamente no, di aspetti negativi ne ha e neppure pochi, ma mettendo sul piatto della bilancia tutto, ma proprio tutto, almeno e sottolineo PER ME non esiste proprio paragone...




Sogno di una vita in USA - BLACK CAT - 22-02-15

Hai sintetizzato perfettamente !


Sogno di una vita in USA - Homer66 - 22-02-15

So che può non centrare nulla.

Qualche ora fa su Fine Living ho beccato quel programma delle case estreme in giro per il mondo. Da buon geometra non posso farmelo mancare....

Ebbene ho visto due americani prendere casa in Puglia (almeno penso fossero lì, il programma era già iniziato) dove hanno fatto restaurare un gruppetto di trulli ed hanno messo su un'attività: lui coltiva olive e la moglie fa le conserve di frutta. Hanno dei figli (piccoli) e per loro questo cambio di vita è un sogno che si realizza. Posti incantevoli, tranquillità, aria buona ed un futuro roseo per i propri figli.

 

Beh. Che dire?

E non sono gli unici americani che mi è capitato di vedere eh!

 

@AmeriMark: perfetto.




Sogno di una vita in USA - CL3V3LAND - 22-02-15

un mio ex collega di lavoro ha due fratelli che son andati a lavorare in Belgio. Nulla da dire. A detta di loro trattamenti economici e servizi di certo superiori a quelli italiani, Una volta ho chiesto a questo mio collega perchè non li avesse raggiunti, visto che era venuto al nord dalla Sicilia per lavorare. Non mi ha mai risposto.

Ed a novembre prendeva dieci giorni per andare ad aiutare lo zio a raccogliere le olive al paese. 

 

Credo che negli Stati Uniti si possa star di gran lunga meglio ma lo suppongo per sentito dire. So come si sta in Italia e conosco ormai molti dell'est che pensavano di far fortuna qua e adesso non han fatto altro che tirare la cinghia.

Credo che partire per l'America presuma avere con se l'occasione di saperci andare vestiti di ciò che ti permetta di trovare quella che nell'immaginario collettivo è l'America...

 

Guai scoprire di non averla trovata

...ma si può sempre tornare in Italia a raccogliere le olive.



Sogno di una vita in USA - AmeriMark - 22-02-15

Le vostre ossaervazioni sono tutte giuste, ci mancherebbe, qui non stiamo a parlare di scappare in America da una guerra civile o da una situazione di estrema povertà come fanno alcuni poveri disperati sui barconi... qui si tratta (per me, poi ognuno ha le sue motivazioni), di tanti e tanti motivi... in primis credo che bisogna apprezzare ed in un certo qual modo amare il paese dove si vuole andare, non dev'essere per forza solo un discorso lavorativo, ma io la vedo a 360°, ovvero un paese che mi piace "a pelle", che sognavo da piccolo, dove ci sono opportunità lavorative e imprenditoriali, dove c'è civiltà, dove c'è rispetto verso il prossimo, dove solo andare a fare la spesa mi "emoziona" per la strada percorsa (vabbè lo so che poi uno si abitua...), dove la burocrazia è il giusto, dove i miei figli possono avere una prospettiva futura migliore, dove non stai sempre sul "chi va la" timoroso di beccare la solita fregatura (non che non ce ne siano eh..) insomma più e più motivi...

E poi chi lo dice che i sogni sono solo sogni e basta? Certo, lasciamoli li senza provarci, senza provare ad inseguirli VERAMENTE e tali rimarranno certo... l'Italia è ferma perchè non si sogna più!! Dove sarebbe la Apple se un certo Steve dal suo garage di casa non sognava un computer rivoluzionario? Che lavoro faceva oggi Mark Zuckerberg se non sognava un bar "virtuale" a livello mondiale? E dove stavo io se un pomeriggio di due anni fa "sognando" l'America quasi per gioco non mi iscrivevo alla DV lottery?? Di certo non a preparare pacchi per attraversare l'oceano!!!

Non voglio dire che solo provandoci uno ci riesce, ma ricordatevi che chi non ci prova di sicuro ha perso a tavolino!!

Meditate, e buona fortuna a tutti quelli che ci credono!! :ok:



Sogno di una vita in USA - skylineeeeee - 22-02-15

Mark, invece delle relazioni sociale cosa dici? Io per il poco che sono stato ho percepito grande distanza tra le persone, anche vicini di casa.

I miei zii si sono fatti il loro giro d'amicizie, ma per lo più sono italiani o latini


Sogno di una vita in USA - bigmuscle - 22-02-15

finalmente dei bei post..quello che ho sempre pensato è che se una persona si trasferisce solo per il lavoro,ha cmq perso....perche lo vedo vivere una situazione come quella che vivo io....ho un lavoro sicuro,mia moglie idem...ma mi sembra di non vivere perche detesto tutto del paese in cui vivo e per contro ho un amore innato per il continente americano...preferirei tirare la cinghia e vivere dove mi basterebbe passeggiare per strada e riempirmi gli occhi di quelle che strade per star bene nell animo...

 

cmq tornando al tema principale,non sono in condizione di investire..non ho quei soldi..io ho sempre pensato che ormai a 33 anni,potrei solo trovare chi mi voglia sponsorizzare...e chissa,potrei pagar io per lui i costi che la sponsorizzazione comporta...



Sogno di una vita in USA - bigmuscle - 22-02-15

cmq se qualcuno che ci vive mi vuolesponsorizzare io sono qua Smile  Tongue




Sogno di una vita in USA - AmeriMark - 22-02-15

Citazione:Mark, invece delle relazioni sociale cosa dici? Io per il poco che sono stato ho percepito grande distanza tra le persone, anche vicini di casa.

I miei zii si sono fatti il loro giro d'amicizie, ma per lo più sono italiani o latini
 

Guarda, tutto il mondo è paese... diciamo che effettivamente sono un pò distaccati o freddi se vogliamo, a volte strani nei comportamenti... ma ci sono persone e persone; personalmente ho conosciuto di tutto, persone che prima ti fanno la festa, ti danno il numero di telefono invitandoti a destra e manca ma poi arrivati "ai fatti" li vedi letterarmente sparire così, senza motivo... come posso dire di aver conosciuto persone adorabilissime che quando ci siamo salutati l'anno scorso è scappata anche mezza lacrimuccia... poi uno alla fine nel tempo "seleziona" e trova le giuste compagnie. Inoltre c'è sempre da dire una cosa, quando facciamo delle valutazioni consideriamo che gli Usa sono grandissimi, possiamo paragonarli alla nostra Europa, e come in Europa trovi gli Svedesi magari freddi e per i fatti loro ed i Siciliani calorosi e di compagnia!!